Felice anno nuovo!

Spero che il tuo 2018 sarà straordinario e sensazionale e che ti senti motivata ad accogliere la magia dei nuovi inizi.

Per quanto possa sembrare un cliché, mi piace impostare alcuni obiettivi per il nuovo anno. Ma il fatto è che mi capita spesso di fallire con troppi e probabilmente irrealistici obiettivi che mi pongo, perché non sono in sintonia con quello che sono o dove voglio arrivare.

Anche se fissare gli obiettivi è un ottimo modo per motivarmi e aiutarmi a proseguire in direzione prescelta, senza perdere il punto di orientamento, però di solito i buoni propositi vengono dimenticati una volta che il mese di febbraio è passato.

Suona famigliare?

Ecco perché ho creato la mia lista degli obiettivi che intendo di raggiungere entro la fine dell’anno. Vorrei condividere con te oggi alcuni per il 2018, perché scrivendoli sul mio blog sarà vincolante e mi renderà più responsabile.

Gli obiettivi del 2018

 

Essere più gentile con me stessa

Nel 2018 voglio spingermi fuori dalla mia zona di comfort e dire di sì più spesso. Sono spaventata da ciò che potrebbe accadere o da ciò che gli altri penseranno di me.

Voglio mettere da parte l’ansia e la paura e andare ad inseguire i miei sogni. Ma per farlo, devo lavorare sulla mia auto-compassione, in quanto posso essere peggior critico di me stessa. Devo anche riuscire a dedicare più tempo al riposo, al mio benessere e alla cura del mio corpo e mente.

 

Leggere almeno due libri al mese

Anche se leggere è una cosa che mi piace molto, trovo sempre meno tempo per farlo. La lettura è importante. Aiuta a stare con i piedi per terra, a superare lo stress e anche ad avere successo. Eh sì, se vai a spulciare la biografia delle persone di successo, la stragrande maggioranza di loro sono irriducibili lettori.

E poi, a chi non piace accoccolarsi sul divano, sotto un plaid con un buon libro in mano che ti trasporta nelle terre lontane, mentre là fuori piove e fa freddo?

 

Avviare il mio canale YouTube

A causa della mia paura di quello che pensano gli altri, ho rimandato questo obiettivo negli ultimi anni! Ma ho deciso che quest’anno sarà l’anno di svolta e lo farò. Mi piacerebbe fare un mix di video su quello che faccio per il mio blog, raccontare un po’ di me, di miei viaggi, di essere una mamma e una moglie, una  donna Millennial che cerca di farsi strada nell’era digitale della generazione Z.

 

Mente sana in un corpo sano

Questo è il tipico buono proposito per l’anno che verrà, vero?

 

Nel 2018 voglio creare una routine di allenamento per aiutarmi a rimanere in forma e sentirmi meglio con me stessa, non solo in termini di aspetto fisico, ma soprattutto per la mia salute. Infatti ho già acquistato un pacchetto di lezioni di yoga che comincio all’inizio di febbraio.

 

🙂 Non vedo l’ora!

 

Tenere un diario di gratitudine

Questa è un’abitudine completamente nuova per me. Ho appena cominciato, ma ho già percepito un impatto positivo sul mio benessere. Se la mia giornata non è stata delle migliori e mi serve qualcosa per tirarmi su, mi basta sbirciare dentro.

 

Iniziare ogni mattina con la meditazione

È qualcosa che ho fatto in passato e credo che possa giovarmi e portare un po’ di chiarezza nella mia vita.

Chi non vuole sentirsi più tranquillo, essere in grado di dormire meglio e avere più compassione per se stesso e per gli altri?

Meditare non solo ci aiuta a rilassarci e gestire le emozioni più facilmente, ma ci aiuta anche a essere più concentrati e produttivi.

 

Eliminare lo zucchero dalla mia dieta

Dopo aver visto il film di Damon Gameau “That Sugar Film” sono pronta per iniziare la disintossicazione da zucchero e cercare di eliminarlo dalla mia vita.

 

Lo sapevi che lo zucchero bianco può creare dipendenza esattamente come sostanze stupefacenti, alcool o tabacco e andrebbe trattato come una droga vera a propria? 

 

Non sarà facile per una golosona come me, ma la salute è più importante.

 

E poi…

 

Creare il mio blog

Fare un viaggio in un posto nuovo

Scegliere un mantra al mese e darle il giusto significato

 

E così il gennaio è passato

 Sembra poco, ma in realtà in questi 31 giorni sono successe un mucchio di cose.

  

Ho aperto il mio blog, ho fatto una mini vacanza in Alto Adige, il mio vecchio portatile ha provocato un blackout in hotel, ho fatto la pupù nel parcheggio (sì, sì, hai letto bene… che vergogna, ma non avevo altra scelta), ho sfilato in deshabillé davanti a una dozzina di persone, ho preso e poi perso 2 kg, ho fatto una discesa con slittino, rischiando di rompermi tutti i denti, ho ammirato ed assaggiato la neve fresca, ho avuto quasi 3 settimane di febbre e tosse, mio figlio ha chiamato per la prima volta suo padre “papà”, ho imparato come configurare Google Analytics ed ho raccolto le conchiglie sulla spiaggia di Ravenna. 

 E adesso è giunto il tempo di tirare le somme e confrontare i risultati con gli obiettivi imposti.

 Uno dei miei obiettivi principali per il mese di gennaio era di dare la vita al mio blog VirtuNat.

Boom! Fatto.

E’ stato molto eccitante, non è roba per i deboli di cuore. Sono stata stressata, scoraggiata, eccitata, turbata, sopraffatta e stimolata, un ottovolante di emozioni.

 Ho iniziato a scrivere questo blog a gennaio di quest’anno. Ho cercato di approcciarlo più come un lavoro che come un hobby, anche se la mia motivazione iniziale era principalmente quella di avere uno sbocco creativo per accrescere l’autostima, cambiare la routine e costituire un piacevole passatempo. 

  

Mi sono resa conto che ci sono tantissimi argomenti nuovi da imparare e che ci vuole tanta determinazione e pazienza per portarlo avanti. 

  

Anche il fatto di dover lavorare di notte, quando il bimbo è a nanna e posso finalmente dedicare il tempo al mio progetto ha fatto la differenza.  Non è facile concentrarsi dopo una giornata in ufficio, giochi con pupo, la cena, i piatti. Ma d’altronde, non ho alternative.

  

Per di più, i miei cari non reputano (almeno ancora) il mio blog un vero e proprio lavoro che necessità la mia dedizione, tempo e creatività. Quindi, l’unico momento di “pace” che ho per darli vita è quando il resto della mia famiglia è tra le braccia del Morfeo.

 

 Per quanto riguarda gli obiettivi di gennaio, direi che sono andata piuttosto bene.

 

  • Ho progettato e disegnato il sito VirtuNat.
  •  Ho scritto i miei primi post, scegliendo gli argomenti che mi interessavano e che saranno utili per i miei lettori.
  •  Ho preso dimestichezza con alcuni strumenti utili per il blogger e ne ho trovato gli altri che intendo approfondire nel mese di febbraio (ConvertKit, Recurpost, MailerLite).
  •  Ho partecipato al corso online di SEO, MailChimp, gestione del tempo e produttività.
  •  Ho continuato le mie lezioni di spagnolo, imparando nuove coniugazioni dei verbi: Pretérito perfecto simple e compuesto.
  •  Ho scoperto il potere delle affermazioni e delle visualizzazioni, intendo comunque di approfondire l’argomento il mese prossimo.
  •  Ho ricominciato a dipingere con gli acquerelli. È da tanto che non lo facevo ed è un buon modo per rilassarsi. Un’espressione autentica del mio stato mentale. 

 

A febbraio ho deciso di potenziare la mia presenza sui social media. Vorrei aprire il mio account Pinterest, creare la pagina Facebook per un gruppo di donne che condividono i miei stessi interessi e scrivere almeno un nuovo post a settimana.

  

Quindi quest’anno non mi concentrerò sui buoni propositi, ma su un piano piuttosto solido e ti aggiornerò mensilmente sui miei progressi.

  

E ora è il tuo turno.

  

Hai identificato i tuoi obiettivi per il 2018? Dove vuoi andare? Cosa vuoi fare? Quanti soldi vuoi guadagnare? Cambierai il tuo lavoro? Ti sposerai?

  

L’elenco delle possibilità è infinito, ma è estremamente utile restringere le scelte e concentrarsi sulle cose che renderanno il tuo anno indimenticabile!